Questo o quello basato su L’attacco dei giganti chiede ai giocatori di scegliere tra due o più opzioni, alla fine del gioco potrai vedere le percentuali di risposta degli altri giocatoriGioca ora ▶


Questo o Quello (L’attacco dei giganti)


Eren Jaeger vs. Mikasa Ackermann

Armin Arelet vs. Reiner Braun

Berthold Huber vs. Annie Leonhart

Connie Springer vs. Annie Leonhart

Preferiresti avere come amico/a Annie Leonhart o Mikasa Ackermann?

Zeke Jaeger vs. Levi Ackerman

Levi Ackerman vs. Eren Jaeger

Vivere dentro o fuori le mura?

Gigante Martello o Gigante Mandibola

Gigante Colossale o Gigante Corazzato

Gigante Femmina o Gigante d'Attacco

Gigante Bestia o Gigante d'Attacco

Gigante Corazzato o Gigante d'Attacco

Gigante Martello o Gigante d'Attacco

Gigante Mandibola o Gigante Femmina

Gabi Braun o Falco Grice

Gabi Braun o Sasha Blouse

Gabi Braun o Eren Jaeger

Sei della fazione degli Jaegeristi

Eren Jaeger o Erwin Smith

Aggiungi una domanda



🔽 Scopri di più su L’attacco dei giganti 🔽


Ambientazione


In un medioevo alternativo la razza umana è stata decimata dall’avvento dei giganti (巨人 kyojin?), grandi creature, fisicamente simili all’uomo, di altezza compresa tra i tre e i quindici metri e che non possiedono un apparato riproduttivo. Sono esseri primitivi e dall’intelligenza limitata, che non sembrano necessitare di cibo per vivere, ma che attaccano gli umani e ingoiano i loro corpi.

Quel che resta dell’umanità è sopravvissuta rifugiandosi all’interno di imponenti mura concentriche: il Wall Maria (ウォール・マリア Wōru Maria?), il più esterno; il Wall Rose (ウォール・ローゼ Wōru Rōze?), quello centrale; e il Wall Sina (ウォール・シーナ Wōru Shīna?), il più interno, che protegge la capitale e la corte del re[13]. Per garantire che i giganti non riescano ad attaccare il territorio degli uomini, le mura sono alte cinquanta metri, con l’unico punto debole costituito dalle porte che ne permettono l’attraversamento. Per non disperdere le forze nella protezione dell’intera estensione delle mura, gli uomini si sono concentrati a vivere in città che sorgono adiacenti alle muraglie, attirando in questo modo l’attenzione dei giganti e ammassando in quei punti le loro difese. Le mura hanno permesso all’umanità di godere di un secolo di pace, al sicuro dagli attacchi dei giganti… continua a leggere su Wikipedia (fonte)


La storia


Nell’anno 845 compare un gigante alto circa sessanta metri che con un calcio crea una breccia nella cinta esterna del Wall Maria, presso il distretto di Shiganshina. I giganti sciamano al suo interno divorando quanti più umani possibile, mentre questi cercano inutilmente di difendersi e trasferire più gente possibile all’interno della seconda cerchia di mura; ma prima che gli uomini riescano a chiudere la porta interna delle mura, un gigante corazzato la sfonda con un colpo e gli umani sono costretti a ripiegare sul Wall Rose. In seguito tentano una disperata riconquista del territorio perduto, circa un terzo del totale, che fallisce miseramente. L’enorme perdita di uomini contribuisce per lo meno ad attenuare la carestia di cibo creatasi per la perdita di una porzione territoriale così grande. Il gigante colossale e quello corazzato spariscono misteriosamente dopo avere spianato la strada ai loro simili.

Fra i sopravvissuti alla tragedia vi sono i tre protagonisti della storia: Eren Jaeger, Mikasa Ackermann e Armin Arelet. Nel giorno dell’irruzione dei giganti, Eren perde sua madre, che viene divorata davanti ai suoi occhi. L’accaduto genera nel bambino, già impulsivo di natura, un odio verso i giganti superiore alla paura nei loro confronti, e giura di sterminarli tutti. Mikasa è un’orfana che dopo la perdita dei suoi genitori ha vissuto sotto l’ala protettiva della famiglia Jaeger, ma quel giorno — così come Armin, il miglior amico di Eren — anche lei perde tutto. A cinque anni di distanza dall’accaduto i tre amici sono cresciuti e sono entrati a fare parte dell’esercito, quando i giganti si presentano di nuovo. Per Eren, Mikasa, Armin e le altre reclute inizia così un crudele battesimo del fuoco… continua a leggere su Wikipedia (fonte)


Seguici su INSTAGRAM – MALASPINAofficial & behindMALASPINA

Torna alla Home